pesce azzurro & affini: ricette, curiosità, storie, personaggi....

Perché poveri ma belli e buoni? Un ironico gioco di parole che attinge ad un noto film italiano degli anni '50 e alla bontà del pesce azzurro & affini , spesso identificati appunto come poveri e non proprio belli. Poveri perchè meno nobili di altri pesci, perchè protagonisti di molti piatti della cosiddetta "cucina povera", perchè meno costosi ma non meno buoni.







martedì 4 febbraio 2014

QUATTRO FOODBLOGGER, UNA CHEF E I PESCI IN MASCHERA 31 GENNAIO 2014


Ecco il gruppo QUATTRO FOODBLOGGER, UNA CHEF E I PESCI IN MASCHERA ai blocchi  di partenza di una serata veramente divertente!!!
Da sinistra a destra: Fabio Campetti blog Visioni dalla cucina in là....,  Silvia Volpe, chef e titolare dell'Osteria Bacco&La Volpe che ci ha ospitati e diretti, la sottoscritta, Silvia Iacoponi, blog Paneepomodoro e  Shamira Gatta, blog Lovely Cake.
 
Tutta colpa, o merito,  della nostra passione comune, ovvero la cucina e  i pesci dimenticati, ritrovati o poveri, "quelli che non li vuole nessuno" secondo una spiritosa definizione riportataci da Daniela Mugnai, coordinatrice de Il Pesce dimenticato, anche lei dunque  in prima linea a difesa dei nostri amati pescetti!
 
L'iniziativa è nata quasi per caso da una battuta della Volpe che ci invitava a spadellare tutti insieme da lei mentre il suo ristorante era chiuso.
Io avevo da poco letto di amici e colleghi virtuali  fiorentini/senesi, conosciuti di persona solo un paio di settimane fa,  che avevano realizzato una cena  dove in cucina il foodblogger Marco " Cibusfaber" affiancava la chef e padrona di casa nel suo ristorante Il Maccherone  di Pontassieve, Sabrina Somigli. Comis in sala: la senese Stefania Pianigiani, sommelier e appassionata di enogastronomia, autrice de La Finestra di Stefania e articoli su vari portali web. Alla cena avevano partecipato anche amici giornalisti come Leonardo Romanelli il quale aveva poi esternato i suoi commenti  in un simpatico   post sul suo sito QUINTO QUARTO.  
Potevo resistere a non prendere spunto da una tale esperienza? Li ho avvisati, ho chiesto delucidazioni e poi è scattata la proposta a Silvia Volpe che l'ha accolta subito con entusiasmo.
 
A differenza dei nostri predecessori, noi eravamo ben 4 + la chef in cucina, ho pensato dunque di creare un vero evento e di fissare un tema preciso da interpretare, ai voti ha vinto la proposta della Mugnai : PESCI IN MASCHERA, un anticipo (largo anticipo) del Carnevale dove PESCI IN MASCHERA poteva essere interpretato in chiara relazione al Carnevale e a tutti i suoi aspetti di festosità, allegria, colori e forme quali coriandoli, stelle filanti, maschere e personaggi ma anche come pesce mascherato, non necessariamente carnevalesco ma semplicemente  camuffato  e quindi irriconoscibile e sorprendente. A quel punto è venuta da sé l'idea di invitare amici chef e critici/giornalisti enogastronomi a giudicare i piatti tanto per movimentare la serata. Tutto ciò poco prima di Natale.
 
Ad anno nuovo abbiamo iniziato seriamente a lavorarci perché i tempi erano stretti, il 31 gennaio, data fissata per l'evento,  era vicino. Il  16 gennaio le prove generali dei piatti.  Poi è scattata l'operazione vini ed ha risposto positivamente l'azienda Fralluca di Suvereto con i suoi ottimi bianchi dalla spiccata sapidità, acidità e mineralità che li rende sorprendentemente longevi e che sarebbero stati perfetti sui nostri piatti.

Il 20 gennaio l'evento era on line, era scattata la promozione FB con la nostra mascotte a riempire le nostre e le bacheche di tutti gli invitati


e da lì in poi l'attesa delle prenotazioni, l'organizzazione degli approvigionamenti, i conteggi e riconteggi degli ingredienti e le quantità rapportate al numero previsto, sembra facile......nel mezzo, un piatto che non riusciva a decollare ed ha cambiato versione almeno tre volte fino a che s'è trovata la formula giusta!!
 
E questo è quello che è successo il 31 sera, 25 i commensali, 5 i cuochi, 2 i comis, 5 i componenti della giuria tecnica: Claudio Mollo, Marco Bellentani, Daniela Mugnai, Daniele Fagiolini e Deborah Corsi! Anche il pubblico è stato invitato ad esprimere le proprie preferenze. Ecco il menu:
 
 BENVENUTO
Scherzi di Carnevale
 Filemone 2012 vermentino
 
ANTIPASTO
Stella d’amare
 Filemone 2012 vermentino
 
PRIMO
Coriandoli a mare
 Filemone 2010 vermentino
 
SECONDO
Filetto mascherato
 Bauci 2012 Viognier - ANTEPRIMA ASSOLUTA!
 
DOLCE
Frutti senza Trucchi

Il mio piatto era SCHERZI DI CARNEVALE, ovvero cantuccini e vin santo all'apparenza, in realtà brodo di pesce e cantuccini salati, i miei classici alle acciughe, capperi e pinoli e una nuova versione al nero di seppia, bottarga e mandorle per imitare quelli al cioccolato ma sono venuti neri come il carbone!!
Ho fatto da apri pista e per l'occasione ho sfoggiato una fascia da kamikaze (originale giapponese!) che ha fatto morire tutti dal ridere!! Ho servito personalmente i miei cantucci per vedere le reazioni dei commensali  di fronte allo scherzetto
 
 
 
 
purtroppo a causa della forte umidità si erano un po' ammosciati ma intinti nel "vin santo", che era proprio buono come tutti hanno commentato, erano perfetti!
 
Silvia Volpe con i miei scherzi di carnevale
 
 
 
A seguire: Stella d'amare di Fabio Campetti, mezzi filetti di sarde marinati nel latte salato, poi panati in un mix di semola, aglio, scorza di limone, timo, fritti e disposti nel piatto a mo' di stella marina con una cremina di ceci, tabasco e limone. Spolverata di paprica dolce. Il Piatto che ha vinto per la giuria tecnica!
 
 
Era squisito! Sì perché noi in cucina s'assaggiava tutto e si brindava pure!
 
 
Poi è stato il turno di Silvia Iacoponi e i suoi CORIANDOLI A MARE, gnocchetti di farina colorati con nero di seppia, zafferano, ortiche raccolte nei campi fuori dal ristorante, concentrato di pomodoro con un ottimo ragù di pesce misto (sugarelli e ritagli di palamita) e filetti di pomodoro Mediterranea Belfiore. Deliziosi e ben riusciti! Piatto vincitore per la giuria popolare.
 
 


Foto Ilaria Lotti, un'affezionata lettrice di Poverimabelliebuoni che finalmente ho conosciuto di persona e mi ha fatto tanto piacere!!



Ed eccoci al gran finale di Shamira Gatta,  con le palamite che ci hanno fatto un po' dannare, ne avevamo acquistate  di diverse misure e di conseguenza i filetti ottenuti erano un po' piccoli, un po' grandi, abbiamo pensato di accoppiare i due piccoli e di raggiungere lo spessore di uno grande, con la panatura di grissini ed erbe aromatiche si copriva tutto quanto e ha funzionato! Sono stati poi rosolati ben croccanti a contrasto col cuore morbido, quasi crudo (per questo erano  state abbattute), servite con una delicata salsa all'arancia e delle erbette saltate in padella con un po' d'aglio. Ottimo piatto!!

 


E il dessert, opera di Silvia Volpe, la nostra padrona di casa e direttrice d'orchestra, squisito sorbetto al kiwi e zenzero e all'arancia serviti in un cestino di pasta fillo

 
Chef e cook blogger con la giuria
 

La lettura del verdetto

 
I nostri specialissimi e spiritosi comis, Giovanni Raimondi, sommelier Fisar ed Emanuele Marcis, compagno di Silvia Volpe, presentatore ed intrattenitore della serata
 
 
E come non citare e ringraziare pure babbo Angiolo Volpe, noto pittore livornese, che ci ha aiutati a spellare le palamite!! Qui con Claudio Mollo

 
Grazie ai  titolari dell'azienda  Fralluca per gli ottimi vini e per la partecipazione!
 
 
E' stata una serata speciale, c'era una splendida atmosfera, e me l'hanno confermato anche gli amici e il marito presenti in sala, ci siamo divertiti tantissimo, in cucina e fuori, con gli ospiti. Non sono mancati problemi e incertezze e la preparazione è stata faticosa ma poi la soddisfazione di riuscire nel nostro intento e vedere le persone contente è una sensazione fantastica! Anche se lascerò passare un po' di tempo prima di rifarlo ;-)
 
 
 

5 commenti:

  1. Ma che bella serata!!! Immagino la tensione, l'andrenalina che vi ha fatto trottare... ma anche la gioia nel ritrovarvi insieme a cucinare, bravissime e bravo!

    RispondiElimina
  2. E' stata una serata veramente piacevole e divertente, capitanata da un'ottima cena.
    Felice io che in un colpo solo ho conosciuto non solo te, ovvero la mia "Paladina" del pesce povero....ma anche altri 3 food blogger che seguo in rete oltre che la chef, nonché padrona di casa che con la sua accoglienza ci ha regalato una serata all'insegna del divertimento e della buona tavola!
    Bravissimi e complimenti a tutti ;)

    RispondiElimina
  3. ve lo posso dire?siete proprio belli in cucina!!una brigata da 10 e lode :)

    RispondiElimina
  4. Fatica&sudore si intuiscono ma anche i risultati più che concreti edecisamente appanganti. Iniziativa di pregio che mi ha conquistato la cui chiave di lettura è la passione che si intuisce dal racconto, dalle foto delle persone e dei piatti, davvero un brava\i detto con stima ed affetto! :)

    RispondiElimina
  5. E mo basta! Comincio ad abituarmi a stare bella bella in posa sul tuo blog!!! Cmq sia non posso che confermare la bellissima serata: con calma ma sarebbe bello ripeterla!

    RispondiElimina