sabato 27 maggio 2017

LA MIA CAESAR SALAD PER IL CLUB DEL 27


Caesar Salad con o senza acciughe? Nel dubbio, io le ho preparate entrambe! Anche perché è facile, basta aggiungerle!

La Caesar salad è stata il tema della sfida Mtchallenge n. 31, giugno 2013, lanciata da Leonardo alias "Cozzaman" e ora ritorna grazie al Club del 27, di cui faccio parte, che recupera vecchi temi del mese legati a sfide precedenti o attinge alle sfide che abbiano una relazione con la sfida più recente, in questo caso il tema delle insalate si sposa con la sfida appena conclusa sui ROLLS, lanciata da Giovanna Lombardi di Gourmandia Chef.

il banner delle Insalate, opera della mitica Mai, Il Colore della Curcuma

E a proposito di insalate, non possiamo dimenticare che le nostre insalate più ricche, colorate e raffinate sono state immortalate nel secondo bellissimo libro firmato Mtchallenge : INSALATA DA TIFFANY interpretato nello stile sofisticato della bell'époque con splendidi pezzi di argenteria e cristalli da Lalique a Baccarat, Wilson, Buccellati!


Il banner del Club del 27, opera di Francesca Carloni, Vignette e ricette

Fu proprio ai tempi della sfida sulla Caesar Salad che mi decisi ad approfondirne la conoscenza. L'avevo mangiata spesso  negli Stati Uniti, il nostro primo viaggio è avvenuto nel  '90 (l'ultimo nel 2010 ma nel New England di Caesar Salad neanche l'ombra), non me la ricordo quindi benissimo ma ricordo che ogni volta era diversa, con un'accozzaglia di ingredienti pazzeschi, anche l'ananas alle Bahamas (cosa che oggi non mi sconvolgerebbe affatto). Da allora io l'ho sempre associata all'idea dell'americanata immaginando che il nome evocasse addirittura il nostro Giulio Cesare!! Forse perché ero sempre scioccata dopo aver visto a Las Vegas il Caesar Palace con le sue  pacchianissime rievocazioni architettoniche  romane,  centurioni ovunque e figuranti vestiti da Cleopatra e Giulio Cesare?!!

Con mio grande sollievo, grazie alla sfida Mtc,  ho scoperto  che la caesar salad,  grande classico americano di cui esistono ormai moltissime varianti  e sulla cui versione originale ci sono state molte dispute, è  stata creata dal cuoco di origini italiane Cesare Cardini, da cui il nome "Caesar", che lavorò negli Stati Uniti e in Messico. Fu proprio nel suo ristorante di Tijuana, in Messico, che Cardini improvvisò quest'insalata con pochi elementi rimasti in dispensa  per accontentare gli ultimi imprevisti  avventori in occasione della festa americana del 4 luglio 1924. Qualcuno invece sostiene che intese fondere appositamente elementi mediterranei e americani/anglosassoni ma mi sembra una lettura a posteriori. 
Comunque sia andata, è stato un successo e il piatto si è diffuso in tutti gli Stati Uniti divenendo una vera istituzione e creando un partito del SENZA e un partito del CON l'acciuga e con tantissime altre varianti.
La versione originale non avrebbe previsto  l'acciuga, secondo le rivelazioni della figlia dello chef, Rosa Cardini, a Julia Child, la nota cuoca americana, autrice di libri di cucina e personaggio televisivo che portò la cucina francese nelle case degli americani.

La ricetta proposta da Leo per la sfida e pubblicata su Insalata da Tiffany è la versione originale, divulgata dalla Child, su indicazioni della figlia di Cardini. Io però non ho resistito e l'ho voluta provare anche con l'acciuga e poi mi son fatta prendere la mano, ho aggiunto anche qualche altro complemento ma senza esagerare, giusto due pinoli e qualche frutto di cappero che non volevano lasciare le acciughe sole solette in mezzo a tutte quelle frasche di lattuga!!

Sono di parte in merito all'acciuga, quindi degustibus....provate e giudicate!!



Ingredienti:

2 cespi di lattuga romana (i più belli che trovate)
30g di Parmigiano grattugiato fresco,
2 uova,
175 ml di olio d’oliva extra vergine,
1 limone
2 spicchi d’aglio,
salsa Worcestershire
Sale e Pepe q.b.
3 fette di pane casereccio (io ho usato un toscano cotto a legna)

Preparazione:
Staccate le foglie di lattuga con delicatezza (io scelgo sempre quelle centrali ) lavatele con cura senza romperle, asciugatele per bene con della carta assorbente o asciugamani puliti e metterle in frigo.

Sbucciate gli spicchi d’aglio e schiacciateli leggermente con il palmo della mano . Metteteli in una ciotola con un pizzico di sale e 3 cucchiai d’olio. Poi versate il tutto in una padella e fate tostare il pane tagliato a dadini. Asciugate i crostini e versateli nella ciotola che userete per l’insalata.

Spremete il limone, mischiatelo in una ciotola con della salsa Worcestershire (sei gocce dice la ricetta, io forse ne ho aggiunta qualcuna in più, del resto assaggio e regolo a mio gusto...)  

Fate bollire per un minuto esatto le uova per poi raffreddarle sotto l'acqua fredda in modo da fermare la cottura. 
Mescolate le uova con il resto dell’olio, l'emulsione di Worcester e limone e il parmigiano con un pizzico di sale e pepe. Tuffate i crostini nella salsa in modo che si inzuppino.

Ponete le foglie di lattuga  nel piatto o insalatiera, versate  sopra gli i crostini e il resto della salsa,  girate l’insalata con molto cura  e servite subito.



Ingredienti e procedimento come sopra, con l'aggiunta di filetti d'acciughe sott'olio ben sgocciolati (meglio ancora sciacquati sotto acqua corrente e tamponati con carta assorbente) scorza di limone non trattato tagliata a listarelle sottili con un rigalimoni, frutti di cappero e pinoli














14 commenti:

  1. Cristina in viaggio di nozze ho mangiato quintalate di Caesar e appena arriva la bella stagione mi ci rituffo. Mi piace moltissimo come l'hai presentata! Un bascione forte e buon we

    RispondiElimina
  2. Con questa mi fai tornare indietro, a un viaggio in Grecia ... mamma mia quante ne ho mangiate!

    RispondiElimina
  3. Mi piace questa insalata ed io l'acciuga la metterei di sicuro :-)

    RispondiElimina
  4. che bontà la Caesar... sempre bravissima Cristina

    RispondiElimina
  5. che bontà la Caesar... sempre bravissima Cristina

    RispondiElimina
  6. Non vedo l'ora di assaggiare la tua versione: sicuramente è davvero saporita e con una bellissima presentazione!

    RispondiElimina
  7. Sulla rilettura a posteriori, sono completamente d'accordo con te: il Cesarino ci ha messo giusto quello che aveva in bottega ed ha fatto il capolavoro. Sulla tua, di interpretazione invece, posso solo dire che è ganza, come sei tu!
    Bona!

    RispondiElimina
  8. Adoro la Caesar Salad, dalla tua presentazione risulta bella fresca e gustosa! :)

    RispondiElimina
  9. Versione "acciugosa" per me, grazie!

    RispondiElimina
  10. Ricordo quella sfida, davvero eccezionale! come la tua Cesar salad.. con acciughe, of course!

    RispondiElimina

HANNO ABBOCCATO ALL'AMO