venerdì 22 novembre 2013

INSOLITO PANETTONE: TARTINA DI PANETTONE AL FICO E CEFALO AFFUMICATO

 
Lo ammetto, era un po' di tempo che vedevo girare ricette con il panettone in piatti salati, poi leggevo di varie iniziative per promuovere il panettone tutto l'anno, non mi convincevano per niente. Non sono una talebana del panettone nonostante le mie origini milanesi, seppur di provincia, ho sempre amato il classico e non disdegno alcune varianti però per me il panettone era sinonimo di Natale e fino ad un paio d'anni fa, non ho mai infranto la regola famigliare che voleva che si consumasse il primo panettone rigorosamente il giorno di Natale anche se dopo un pranzo luculliano che alla fine non se lo gustava nessuno perché insieme c'era pure il pandoro e l'immancabile crema di mascarpone al cognac!! Preferivo infatti il panettone del giorno dopo, tostato e inzuppato nel caffè a colazione.
 
Ho infranto la regola da pochi anni perché ho dovuto assaggiare alcuni panettoni in anteprima per dovere professionale e da quel giorno, evidentemente tutte le regole sono state infrante come pure quella del panettone in cucina come ingrediente!!
 
Cosa ha scatenato tutto ciò? Facile da intuire, soprattutto per chi ha famigliarità con questo tema.....il nome è uno solo, l'unico, inimitabile DARIO LOISON!!! Discendente di una storica famiglia di pasticceri vicentini che dal 1938 sfornano meraviglie di panettoni, pandori, veneziane, colombe e molto altro.....
 
 
Il vulcanico, geniale Dario affiancato dalla graziosa Sonia, abile designer che firma l'elegante e variegato packaging dell'azienda, ha portato al successo internazionale il marchio Loison, fortemente legato alla vocazione famigliare artigiana, la cui forza sta nel coniugare arte e qualità, creatività e spirito d'impresa, esperienza e innovazione fino ad arrivare appunto a.....INSOLITO PANETTONE ovvero tutto quello che avreste sempre voluto sapere sul panettone e non avete mai osato.... mettere in padella!
 
E che c'entro io con Loison? Ad ottobre, un'amica mi mette in contatto con Dario perché  avrebbe avuto bisogno di una persona di riferimento in Toscana per un evento in programma a novembre. Un'ora di telefonata con il mito e siamo subito in sintonia, e i miei neuroni sono già in subbuglio ad elaborare abbinamenti con i miei "pescetti" stimolata da Loison che mi annuncia l'arrivo di una campionatura.
 
    
Giusto un assaggino....eh?.....e si attacca già ai primi di ottobre!!!
Gusti spaziali! Consistenza soffice, perfetta, quello al fico è una delizia, il fico arriva delicatamente e ti invita a riassaggiarlo, mai stucchevole anzi! Ma quello cha mi ha sconvolto è stato il panettone zafferano e liquirizia! Due gusti che adoro ma mai avrei pensato di vederli insieme, sono due protagonisti assoluti, dal gusto dominante, di grande personalità, inimmaginabili uno accanto all'altro finchè non ho assaggiato il panettone Loison, un'esplosione di profumi e gusti ma ciò che sorprende è l'equilibrio che  il diabolico pasticcere è riuscito a calibrare, un'armonia difficilissima ma quanto mai indovinata ed intrigante!!
 
Fonte d'ispirazione per le mie sperimentazioni, un utilissimo e bellissimo libro, MILLE E UN PANETTONE con tanto di dedica autografa di Dario, inserito nel   pacco insieme a cataloghi, gadget vari e press kit 


I primi a finire nel panettone dovevano essere assolutamente i miei pesci poveri!! Allora ho pensato come prima cosa ad un abbinamento abbastanza facile. Gli affumicati si sposano a meraviglia con elementi dolci, frutta fresca e con pan brioche e allora perché no con il panettone? E vai!!
 
TARTINA DI PANETTONE AL FICO LOISON
CON TARTARE DI CEFALO AFFUMICATO E SALSA ALLA SENAPE
 

 
Ingredienti per 4 tartine
 
4 fette di panettone al fico Loison
erba cipollina
1 cucchiaio di ricotta mista
1 vasetto di yogurt bianco dolce
miele d'acacia
senape
 
 
Una ricetta facilissima ma d'effetto e soprattutto buona, per gli amanti del genere naturalmente.
Con un coppa pasta ritagliare dei dischetti dalle fette di panettone.
Spellare il filetto di cefalo, eliminare l'eccesso di aromi e peperoncino (quello della Cooperativa è cosparso di pepe e peperoncino), tritarlo al coltello come per una tartare, amalgamarlo con la ricotta e dell'erba cipollina tritata. Inserire il composto ottenuto nei coppapasta per ottenere dei  dischetti che andranno a farcire le tartine
Preparare la salsa mescolando lo yogurt con miele e senape in proporzioni secondo il proprio gusto, io suggerirei  2 parti di yogurt, 1 di miele e 1 di senape.
Tostare brevemente i dischi di panettone, non deve seccare troppo, farcire le fette di panettone con la tartare di cefalo. Servire accompagnate dalla salsa alla senape e qualche filo di erba cipollina come decorazione.
 
E questo è solo l'inizio!!!
 

10 commenti:

  1. ma questa è assolutamente originalissima....cosa darei per poterla assaggiare!
    felice giornata

    RispondiElimina
  2. Embè...vedi tu! sei di un'altra categoria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai, non esageriamo....però è bellina vero? grazie cara! baci, Cris

      Elimina
  3. Che bella Cris! Ormai ci hai abituati a questi abbinamenti "azzardati" ma sempre "azzeccati" e questo non è da meno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Silvia! Se lo provi fammi sapere, come sempre ok?

      Elimina
  4. Abbinamento spaziale! da provare assolutamente!
    ps. bellissime anche le confezioni dei prodotti Loison, ho visto che alcuni tipi sono presenti anche in una grande catena di supermercati della mia città, spero di trovare i gusti che hai citato ;)

    RispondiElimina
  5. Dunque, qui si vola molto alti ed io, al solito, sono attratta dalla salsina. Domettina edco e mi compro lo yogurt...e poi, vedi tu... ;-)

    RispondiElimina
  6. Adoro Loison, prodotti magnifici!
    L'idea del cefalo affumicato è davvero geniale!
    Il panettone al fico non riesco ad immaginarmelo con il pesce, ma amo l'agrodolce, e vorrei tanto provare queso insolito abbinamento!

    RispondiElimina
  7. Loison non lo conosco...ma tu sai che in queste cose scarseggio: invidio profondamente il pacco dono...più che panettoni sembravano gioielli! Ora devo capire chi lo commercializza a Roma. La tua ricetta? Sai che sono a favore del famolo strano e la tua mi sembra perfettamente in linea! un bacio cri

    RispondiElimina

HANNO ABBOCCATO ALL'AMO