pesce azzurro & affini: ricette, curiosità, storie, personaggi....

Perché poveri ma belli e buoni? Un ironico gioco di parole che attinge ad un noto film italiano degli anni '50 e alla bontà del pesce azzurro & affini , spesso identificati appunto come poveri e non proprio belli. Poveri perchè meno nobili di altri pesci, perchè protagonisti di molti piatti della cosiddetta "cucina povera", perchè meno costosi ma non meno buoni.







lunedì 3 dicembre 2012

INVOLTINI DI VERZA E ACCIUGHE SU SALSA ALLA SENAPE E MIELE


E' arrivato un bel freddino anche qui al mare, dopo acqua e vento finalmente una giornata col cielo terso, una luce meravigliosa e  aria frizzante.
Tempo di verze, le verze mi aprono le porte all'inverno, mi riportano alle mie origini, mi fanno venire voglia di casöla. Con le acciughe la vedo dura ma non è detto....intanto mi accontento di questi involtini, un richiamino alla cucina lombarda e ai suoi involtini di verze c'è anche se moooooolto alla lontana!

Per  UN'ACCIUGA AL GIORNO naturalmente




Ingredienti per 6 involtini, 2 persone

12 acciughe fresche grandi
150 gr di scamorza dolce
1 fetta di pancetta tesa affumicata abbastanza alta, peso ca  120 gr
6 foglie di verza grandi
un rametto di rosmarino
olio evo, sale e pepe qb

Per la salsa: 80 ml di panna fresca liquida, 1 cucchiaino di senape forte, 1 cucchiaino di miele di castagno



Pulire le foglie di verza eliminando le nervature più dure, sbianchirle in acqua bollente con un pizzico di sale, stenderle su un canovaccio ad asciugare.
Pulire e sfilettare le acciughe, posizionarne una sopra ad ogni foglia di verza, farcire con la scamorza e la pancetta tagliata a fettine in modo da coprire tutta la superficie del filetto d'acciuga, cospargere con qualche ago di rosmarino, chiudere con una seconda acciuga e arrotolare gli involtini, rifilandoli per adeguarli alla lunghezza delle acciughe e fermarli con uno stecchino.
Rosolarli in padella con un filo d'olio evo e rosmarino, regolare di sale e pepe.
Far sciogliere in un pentolino la panna con la senape e il miele aggiustando le quantità indicate secondo il proprio gusto.
Servire gli involtini accompagnati dalla salsetta



9 commenti:

  1. Ancora un connubio per me inconsueto ed innovativo: complimenti!

    RispondiElimina
  2. mamma che belli questi involtini ...e che salsina!
    bacioni cara

    RispondiElimina
  3. Che bocconcini... da farne indigestione...

    RispondiElimina
  4. Hai una creatività incredibile...della serie cosa non si può inventare con le acciughe. Bravissima. Ciao a presto.

    RispondiElimina
  5. Bellissimi e buonissimi!!! Adoro la verza, con le acciughe fresche mai assaggiata, da provare! Un bacione,
    Bucci

    RispondiElimina
  6. Senape e miele....guarda potevo fermarmi al titolo!!!
    Il tutto custodito dall'umidità di una foglia di verza, quindi ripieno morbido morbido, ma che libidine Cri!!!!

    bacione ligure

    Fabi

    RispondiElimina
  7. Il mio dito è stato più veloce del mio pensiero: non volevo aprire il link di questa ricetta perchè sapevo che avrei trovato qualcosa di assolutamente sublime e originale e che poi avrei dovuto riprovare a farlo! E così sarà...

    RispondiElimina
  8. Stai sfornando una meraviglia dopo l'altra!!!

    RispondiElimina