pesce azzurro & affini: ricette, curiosità, storie, personaggi....

Perché poveri ma belli e buoni? Un ironico gioco di parole che attinge ad un noto film italiano degli anni '50 e alla bontà del pesce azzurro & affini , spesso identificati appunto come poveri e non proprio belli. Poveri perchè meno nobili di altri pesci, perchè protagonisti di molti piatti della cosiddetta "cucina povera", perchè meno costosi ma non meno buoni.







giovedì 6 dicembre 2012

ACCIUGHE ALL'ARANCIA SU CREMA DI FINOCCHI


Già il 6 dicembre! E in men che non si dica s'arriva a Natale! E noi prepariamo e vestiamo a festa anche le nostre acciughe!
Partiamo da abbinamenti decisamente invernali, gli AGRUMI, che aggiungono un tocco raffinato ad ogni piatto, anche se non è una novità che le acciughe si sposano perfettamente con i toni agrumati.

Io mi sono ispirata alla mia amata anatra all'arancia e ho adattato gli ingredienti, le modalità e i tempi di cottura alle acciughe che per fortuna ho trovato di buona taglia. Babi le ha marinate nel pompelmo rosa ,  Sara invece le accompagna con una raffinatissima salsa al mandarino.

Stuzzicanti, vero?



Ingredienti per 2 persone

12 acciughe fresche 
1 scalogno
1 arancia bio
6 fettine sottili di lardo di Colonnata
1 foglia di alloro
3-4 foglioline di salvia
4-5 bacche di ginepro
1 cucchiaio di cognac
brodo vegetale, olio evo, sale, pepe, farina qb

1 finocchio grande
1 porro
olio, sale, burro 

Pulire e sfilettare le acciughe, accoppiarle a due a due inserendo nel mezzo una fettina di lardo di colonnata, infarinare e mettere da parte.
Rosolare lo scalogno finemente affettato in olio evo con l'alloro, la salvia e le bacche di ginepro schiacciate.
Aggiungere le scorze di mezza arancia  ridotte a filangé, far insaporire, adagiare con cura i sandwich d'acciuga nella padella, far rosolare pochi secondi da ogni lato, girando aiutandosi con una paletta, sfumare con il cognac, poi il succo d'arancia, far andare per 7-8 min, togliere le acciughe e tenerle in caldo, deglassare il fondo di cottura con un po' di brodo vegetale in modo da ottenere una salsa vellutata con la quale nappare le acciughe.
Servire con una crema di finocchi ottenuta semplicemente rosolando i porri e i finocchi in padella con un filo d'olio, poi frullati e mantecati con burro o panna.

7 commenti:

  1. Carissima, tu sai sempre come sorprenderci: sul pesce azzurro non ti batte nessuno!!!!!! Sei bravissima!
    Bacioni

    RispondiElimina
  2. Una ricetta meravigliosa, il gusto agrumato conferisce un sapore particolare. Complimenti.

    RispondiElimina
  3. Molto invitante questa ricetta, ideale per la tavola della vigilia!

    RispondiElimina
  4. Mi piace l'idea di vestire a festa le vostre meravigliose alici
    e questi abbinamenti tutti allegri e colorati e soprattutto molto profumati LI TROVO PERFETTI!!!!!!!!!!!!!!Un bacio Cris

    RispondiElimina
  5. Queste alici mi sembrano già vestite a festa... eleganti raffinate e con i tipici profumi invernali. Belle, belle, belle!!

    RispondiElimina
  6. Molto stuzzicanti... con il lardo di Colonnata non poteva che uscirti un gran piatto!

    RispondiElimina
  7. Che bella ricetta!!! Mi piace parecchio e te la copio!!
    Grazie e complimenti!

    RispondiElimina