lunedì 11 aprile 2011

FRITTATA CON SARDE, FINOCCHIETTO E ASPARAGI SELVATICI


Una frittata per il cestino da pic-nic del contest di ASSAGGI DI VIAGGIO


Recentemente ho trovato un quesito quasi amletico sul blog di  Manuela, OVoBbudino  che diceva più o meno così:  "ma un foodblogger può cucinare cose normali tipo una bella  frittata?" 
E perchè no? La frittata non è poi così semplice e neanche banale, forse  è troppo "normale"?
E perchè bisogna essere originali e sorprendenti a tutti i costi? La deformazione da blog-contest ci contagia a tal punto? Abbiamo smesso di chiederci cosa sia veramente un blog? E' un diario virtuale, personale,  in cui annotare ricette, sensazioni, esperienze e appunto dubbi come quello espresso da Manuela. Naturalmente ci affascina di più la sperimentazione e cimentarci in abbinamenti inconsueti ma anche rivisitare certi classici può essere altrettanto stimolante.
E allora che  frittata sia! Ci sono diverse  filosofie a riguardo della frittata, chi sostiene che non bisogna sbattere le uova, chi sostiene che deve rimanere morbida e bagnata nel mezzo, chi la vuole ben arrostita con crosticina. A me piace alta, croccante fuori e morbida dentro. Sembra facile!!!
Ho preso lo spunto da una raccolta di cucina del Corriere della Sera del 2004, a cui attingo spesso, aggiungendo e togliendo qualcosa.
L'abbinamento finocchietto e sarde è un classico della cucina siciliana, ora che ci penso non ho mai pubblicato la PASTA CON LE SARDE, troppo scontata? No, devo farla e immortalarla prossimamente!
Il finocchietto selvatico ora abbonda nei campi, così come gli asparagi selvatici, ho provato a mischiarli.
Li ho fatti rosolare con un po' di burro e olio evo e cipolla bianca:



Ho sbattuto 4 uova con una cucchiaiata di parmigiano grattugiato, sale e pepe, poi ho aggiunto una decina di sarde pulite e sfilettate e ho versato la pastella sopra al  soffritto di cipolla, finocchietto e asparagi:


E qui inizia il bello, il difficile della frittata, io uso il sistema di mia mamma: cuocere a fuoco basso, raccogliere con una palettina i bordi man mano che rapprendono e rivoltarli verso l'interno, poi infilare la palettina sotto la base per valutare che non si attacchi, quando si è un po' rappresa coprire con un coperchio o un piatto, ribaltare la frittata e farla scivolare di nuovo nella padella e terminare la cottura.
Non ho mai tentato di farla volare per aria, farle fare un triplo salto carpiato per poi farla scendere perfettamente e dal lato giusto nella padella. Tale operazione coreografica, magari  davanti ad un pubblico, consacrerebbe il cuoco dilettante all'Olimpo dei cuochi di serie A! Mi accontento della serie B e scelgo  il metodo meno rischioso. In quest'occasione, in particolare, ho sperimentato una padellina antiaderente, penso più da crêpe che da frittata, che mi aveva regalato la suocera (così accontento sia la mamma che la suocera) praticamente doppia che si chiude a incastro e quando si gira la frittata è una figata! Via liscio come l'olio.....Però dai, ora va bene non rischiare di farla volare per aria e farla appiccicare sul soffitto come una vignetta umoristica ma addirittura ipersemplificata così.......senza nemmeno un po' di brivido e il timore che rivoltandola ti rimanga appiccicata sul coperchio o che ti scivoli via e anzichè ritornare nella padella, si spiaccichi tutta sul fornello che per pulire poi stramaledici la frittata e chi l'ha inventata , però così, con la padellina doppia per cottura facilitata, da dilettanti,  non c'è divertimento!!!! No, la serie C no!!





13 commenti:

  1. Ma questo e' un piatto dare, non una semplice frittata ;-)
    Copio!!!!

    RispondiElimina
  2. ottima frittata, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  3. una frittata ricca senza dubbio!! Complimenti per la bella idea ed in bocca al lupo per il contest

    RispondiElimina
  4. fantastica... grazie per la citazione...
    a presto

    RispondiElimina
  5. Si, si, si... ottima frittatina da pic-nic!!!

    RispondiElimina
  6. questa te la"rubo"e provo quanto prima!!!

    RispondiElimina
  7. Te la copio di certo, sia perchè adoro le frittate sia perchè ne faccio spesse e con questa mi hai dato un ottimo spunto per variare con gusto! :)
    PS
    Io non ci provo nemmeno alla "girata con carpiato" con la mia mano tremante....adesso avrei una cucina "impressionista"!!! :P ahahahahhaahaha

    RispondiElimina
  8. Ma... ma... ma... MA TU SEI UN GENIO!!!!!
    La frittata con le sarde da portare al pic-nic di Pasquetta è semplicemente stupenda!!!
    Dunque, vediamo un po'... ho delle sarde pulite in freezer, le uova le ho, gli asparagi anche (benché non selvatici)... mi manca il finocchietto e poi ho tutto per prepararla!!!

    RispondiElimina
  9. Ma guarda un po' la mia frittatina che successo!! Grazie grazie :-)

    RispondiElimina
  10. La frittata con gli asparagi selvatici mi aspetta domani e non vedo l'ora: è la mia preferita in assoluto :D
    La presenza delle sarde è una bella idea ...

    RispondiElimina
  11. Certo che si può preparare una bella frittata e buona come questa poi...:-P
    Grazie per aver partecipato al nostro contest ^_^
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  12. Ricetta sana e stuzzicante, come sempre!

    RispondiElimina

HANNO ABBOCCATO ALL'AMO